Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti, per il corretto funzionamento dei servizi in linea. Se chiudi questo banner e prosegui con la navigazione ne accetti l'utilizzo. Per maggiori informazioni su come modificare il consenso e le impostazioni dei browser supportati leggi l'informativa sulla privacy.

 

Acconsento

FAQ - Caduta sulla strada privata

« Torna all'elenco delle domande


Inserisci il testo della domanda


Dall'ordinanza 2oi94del 2018, nella quale la Cassazione ha affrontato un caso originato dall'infortunio occorso ad una signora caduta in una buca esistente sul tratto di marciapiede appartenente ad un condominio verso il quale, in giudizio di Primo Grado, l'attrice chiedeva la condanna al risarcimento danni. Il Tribunale, espletata una CTU, respingeva la domanda con compensazione delle spese. Dopo il rigettò di tale pronuncia, da parte della Corte d'Appello, l’attrice ricorreva in Cassazione affidandosi ad un motivo - al quale resisteva il Condominio con controricorso - nel quale lamentava, l'erronea interpretazione  dei principi legati agli obblighi gravanti sul custode. Per gli ermellini, la Corte, pur avendo richiamato correttamente in motivazione alcuni pronunce della Cassazione come il fatto che l'onere della prova del nesso di causalità tra la cosa in custodia e il danno, grava sulla parte danneggiata, ha erroneamente valutato il caso concreto. Nélla sentenza impugnata, si legge che la strada “versava in uno stato di diffuso dissesto» che «non richiedeva segnalazione o transennamento delle singole buche'; essendo una condizione di normalità». Una situazione che imponeva all'attrice “cautela nello scendere dalla vettura, essendo altamente probabile che il fondo fosse sconnesso”. Argomentazioni non condivise dalla Cassazione per la quale “ove la condotta del danneggiato assurga al rango di causa esclusiva dell'evento, viene meno il nesso causale tra la cosa custodita e quest'ultimo e la fattispecie non può più essere assunta entro il paradigma dell'art. 2051 cod, civ., anche quando la condotta possa; seppur prevista, esclusa come evenienza ragionevole secondo un criterio probabilistico di regolarità causale”. Per cui il custode si presume responsabile dei danni riconducibili alle situazioni di pericolo connesse alla struttura, potendo su tale responsabilità influire la condotta della vittima. La sentenza impugnata non aveva, quindi, considerato il limite tra la violazione del dovere di cautela da parte dell'attrice danneggiata e la inottemperanza del custode agli obblighi di protezione che gravano su di lui.

Per queste motivazioni, la Cassazione ha accolto il ricorso; rinviando la sentenza alla Corte d'Appello, in diversa: composizione personale, anche per la liquidazione delle spese del giudizio di legittimità.

Ulteriori informazioni potrete richiederle tramite il modulo on-line, o presso lo Studio Amministrativo Monti, tramite appuntemento.

Ditte e Professionisti consigliati dallo Studio Amministrativo Monti