Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti, per il corretto funzionamento dei servizi in linea. Se chiudi questo banner e prosegui con la navigazione ne accetti l'utilizzo. Per maggiori informazioni su come modificare il consenso e le impostazioni dei browser supportati leggi l'informativa sulla privacy.

 

Acconsento

FAQ - Partecipazione all'Assemblea di chi non Ť condomino

« Torna all'elenco delle domande



Non esiste un divieto alla partecipazione di un estraneo all'assemblea di condominio espressamente previsto dalla legge. Per di più. in questo caso, il soggetto a cui si vorrebbe inibire la partecipazione – benché non proprietario – è coniuge di un condomino, vive nel condominio, di esso utilizza le parti comuni ecc... Sembra pertanto difficile appellarsi alle pur numerose pronunce del Garante della Privacy dove, ad esempio, nel caso della partecipazione di un tecnico estraneo ai condòmini, il suo intervento è stato limitato ai punti all'ordine del giorno per i quali i partecipanti ritengono necessaria la sua presenza. In questi casi, inoltre, salvo che l'estraneo non sia espressamente autorizzato dalla legge è necessario il consenso dei condòmini affinché questi possa partecipare all'assemblea. II Garante aveva, infatti, prescritto in un provvedimento pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 152 del 3 luglio 2006 che "la partecipazione all'assemblea condominiale di estranei è consentita con l'assenso dei partecipanti e in casi previsti dalla legge". La difficoltà di percorrere questa via Sta nell'impossibilità di far valere questioni di privacy condominiale nei confronti del coniuge convivente di un condomino. Peraltro, può essere utile trarre spunto da una pronuncia della Cassazione (N. 11943/2003) dove si è affermato che «In tema di condominio negli edifici, la partecipazione ad En'assemblea di i Soggetto estraneo ovvero privo di legittimazione non si riflette sulla validità della Costituzione dell'assemblea e delle decisioni in tale sede assunte, qualora risulti che quella partecipazione non ha influito sulla maggioranza richiesta e sul quorum prescritto, né Sullo svolgimento della discussione e sull'esito della votazione». Ne consegue che se non un divieto, può ravvisarsi un obbligo e cioè quello secondo il quale chi non è legittimato non partecipa a discussioni e votazioni.


Ulteriori informazioni potrete richiederle tramite il modulo on-line, o presso lo Studio Amministrativo Monti, tramite appuntemento.

Ditte e Professionisti consigliati dallo Studio Amministrativo Monti