Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti, per il corretto funzionamento dei servizi in linea. Se chiudi questo banner e prosegui con la navigazione ne accetti l'utilizzo. Per maggiori informazioni su come modificare il consenso e le impostazioni dei browser supportati leggi l'informativa sulla privacy.

 

Acconsento

FAQ - Spese postali: attribuzione delle stesse.

« Torna all'elenco delle domande


Il costo della corrispondenza fra il condominio rappresentato dall’amministratore in carica e i condomini va suddiviso fra tutti i condomini in base all’articolo 1123 del codice civile. Pertanto non è ammesso fare delle differenze di imputazione essendo il condominio nella sua integrità che invia la corrispondenza. A conferma di quanto sopra si trascrive il brillantissimo articolo pubblicato nel quotidiano Sole 24 ore a firma dell’avvocato Pontanari


"Le spese postali in condominio rientrano tra le spese di gestione. La naturale conseguenza è che tali esborsi non possono essere addebitati ai singoli condòmini, ma devono essere ripartiti tra tutti, secondo il criterio dei millesimi di proprietà, in base all’articolo 1123 del codice civile. Così sarà per le comunicazioni relative alla convocazione dell’assemblea, per l’invio del relativo verbale, per i solleciti di pagamento delle spese condominiali e per tutte le altre comunicazioni provenienti dall’amministratore condominiale.

Questo dicono i giudici e, in particolare, la Cassazione la con sentenza 24696/2008 che riprende la 3946/94, e il Tribunale di Milano con la sentenza n.7103 del 9 giugno 2015 che segue le orme del Tribunale di Napoli con la sentenza n.12015 del 29 novembre 2003. Quindi, anche le spese per il sollecito di pagamento al singolo condomino andranno ripartite tra tutti i condòmini e non al solo moroso. La conseguenza della errata imputazione è la nullità della relativa delibera.

Sulla scia di questo orientamento, anche chi ha la Pec dovrà pagare le spese postali: anche se l’amministratore invia via Pec le comunicazioni al condòmino quest’ultimo non potrà essere esonerato dal pagamento delle spese postali ripartite tra tutti i condòmini.

Va, peraltro, precisato che l’assemblea può sempre decidere un criterio di ripartizione diverso. Criterio che andrà deliberato all’unanimità dei consensi, non a maggioranza semplice e neppure a maggioranza qualificata, perché si tratta di modificare un criterio di ripartizione previsto per legge dall’articolo 1123 del codice civile. Proprio in relazione a questo, la Cassazione con la sentenza 21965/2017 ha dichiarato nulla la delibera che ha approvato a maggioranza un criterio di ripartizione delle spese postali diverso da quello legale. Unica eccezione è quando c’è una dichiarazione giudiziale di condanna al pagamento in tal senso (Cassazione, sentenza 14696/2008). 

L’esempio più ricorrente è quello relativo alle spese legali: l’amministratore agisce nei confronti del condomino moroso rivolgendosi ad un avvocato, e successivamente addebita al condòmino le spese legali. Un altro esempio è quello in cui il condominio addebita al singolo le spese di riparazione di un bene condominiale che si presume danneggiato da quest’ultimo

Ebbene, la giurisprudenza ha più volte chiarito che l’assemblea condominiale non può approvare le spese personali, di natura individuale, imputandole al singolo condomino. L’assemblea ha infatti esclusivamente il potere di deliberare le spese condominiali, riguardanti il condominio e da ripartire tra i singoli secondo le tabelle millesimali e i criteri dettati dal regolamento e/o dalla legge."

 

In relazione ai costi per la cancelleria sostenuti dal condominio, appare preferibile l'applicazione del principio di ripartizione generale previsto dal 1°comma dell'art.1123 c.c. Secondo la disposizione citata le spese necessarie per la prestazione dei servizi nell'interesse comune sono sostenute dai condomini in misura proporzionale al valore della proprietà di ciascuno.

Non sembra infatti possibile, con riferimento al caso in esame, utilizzare la regola fornita dal 2° comma dell'art. 1123 c.c., secondo la quale "se si tratta di cose destinate a servire i condomini in misura diversa, le spese sono ripartite in proporzione dell'uso che ciascuno può farne".

A ben vedere l'art. 66 delle disposizioni per l'attuazione del Codice Civile prevede che l'avviso dì convocazione possa essere inviato "a mezzo di posta raccomandata, posta elettronica certificata, fax o tramite consegna a mano". La libertà nella forma di convocazione sembra doversi applicare per analogia anche alle altre comunicazioni (bilanci, preventivi, etc.) inviate dall'amministratore, purché previste dal regolamento condominiale.

Non esiste pertanto un obbligo dell'amministratore di privilegiare uno strumento di comunicazione, né dei condomini di dotarsi di una casella PEC.

Di talché si ritiene che le spese di cancelleria ordinaria - non riconducibili a servizi resi a favore di singoli condomini per motivi particolari o in seguito a specifiche richieste - debbano essere sostenute proporzionalmente da tutti i condomini, come peraltro sono sostenuti proporzionalmente i costi di attivazione e mantenimento della casella PEC (indipendentemente dal numero di condomini fruitori).

Ulteriori informazioni potrete richiederle tramite il modulo on-line, o presso lo Studio Amministrativo Monti, tramite appuntemento.

Ditte e Professionisti consigliati dallo Studio Amministrativo Monti