Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti, per il corretto funzionamento dei servizi in linea. Se chiudi questo banner e prosegui con la navigazione ne accetti l'utilizzo. Per maggiori informazioni su come modificare il consenso e le impostazioni dei browser supportati leggi l'informativa sulla privacy.

 

Acconsento

FAQ - Ripartire le spese in parti uguali, la Cassazione mette i paletti

« Torna all'elenco delle domande


Inserisci il testo della domanda


I criteri di ripartizione delle spese condominiali, stabiliti dall'articolo 1123 Codice civile, possono essere derogati, come prevede la stessa norma. In particolare, in assenza di limiti posti dalla norma in disamina, la deroga convenzionale ai criteri codicistici di ripartizione delle spese condominiali può arrivare a dividere financo in “quote uguali” tra i condomini gli oneri generali e di manutenzione delle parti comuni. L'assunto è stato appena ribadito dalla Corte di Cassazione con Ordinanza 24925/2019 (relatore Antonio Scarpa).
Nel qual caso occorre ricorrere ad una convenzione modificatrice della disciplina legale, la quale può essere contenuta sia nel regolamento condominiale - che perciò si definisce “di natura contrattuale” -, sia in una statuizione adottata dall'assemblea dei condòmini, laddove espressione diretta del consenso esplicito prestato da parte di tutti i partecipanti, nessuno escluso (in punto, Cassazione, Sezione seconda, 17/01/2003, n. 641).
La natura delle disposizioni contenute negli artt. 1118, comma 1, e 1123 Codice civile, non preclude, infatti, l'adozione di discipline convenzionali che differenzino tra loro gli obblighi dei partecipanti di concorrere agli oneri di gestione del condominio, attribuendo gli stessi in proporzione maggiore o minore rispetto a quella scaturente dalla rispettiva quota individuale di proprietà.
La stessa convenzione, se del caso, può anche prevedere l'esenzione totale o parziale per taluno dei condomini dall'obbligo di partecipare alle spese medesime (Cassazione civile, sez. 2, 04/12/2013, n. 27233; Cass. Sez. 2, 25/03/2004, n. 5975; Cass. Sez. 2, 16/12/1988, n. 6844).
La «diversa convenzione», di cui all'art. 1123, comma 1, Codice civile, quindi, può essere definita quale dichiarazione negoziale, espressione di autonomia privata, da cui risulti espressamente che tutti i partecipanti al condòminio, abbiano inteso derogare al regime legale di ripartizione delle spese (sulla definizione, si veda anche Cassazione Sezioni Unite, 09/08/2010, n. 18477)

 

Ulteriori informazioni potrete richiederle tramite il modulo on-line, o presso lo Studio Amministrativo Monti, tramite appuntemento.

Ditte e Professionisti consigliati dallo Studio Amministrativo Monti