Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti, per il corretto funzionamento dei servizi in linea. Se chiudi questo banner e prosegui con la navigazione ne accetti l'utilizzo. Per maggiori informazioni su come modificare il consenso e le impostazioni dei browser supportati leggi l'informativa sulla privacy.

 

Acconsento

FAQ - E' reato depositare rifiuti negli spazi comuni

« Torna all'elenco delle domande


Inserisci il testo della domanda


La disciplina dei rifiuti, contenuta nel Dlgs 152/2006, riguarda anche le parti comuni condominiali che spesso vengono utilizzate dai condomini per realizzare depositi incontrollati e clandestini di rifiuti. La Corte di Cassazione è intervenuta con severità ricordando la vigenza della normativa dei rifiuti. nel mondo immobiliare le cui aree pertinenziali non possono essere asservite , dalla, fase di raccolta a quella finale, all'illecito smaltimento di rifiuti.. L'art. 256 del Dlgs 152/2006 sanziona penalmente chi svolge l'attività di gestione di rifiuti. non autorizzata che si esplica nello svolgimento di un'attività di raccolta , trasporto , recupero , smalti rilento o di commercio d.i rifiuti , speciali o pericolosi, in mancanza della prescritta autorizzazione. La Corte di Cassazione (sent. 36951/2019) ha stabilito la penale responsabilità di un condòmino , e non dell'amministratore, per il deposito incontrollato di rifiuti all'interno di un'area destinata ad uso comune. In particolare il condòmino depositava 200 copertoni nuovi ed usati , vari pezzi di carrozzerie e di autovetture, una vecchia Fiat 500, due motorini , parti di motori , biciclette, tappettini per auto ed altri oggetti .
Tutto il materiale era stato accumulata in un'area destinata ad uso comune , all'interno di un complesso edilizio realizzato dagli IACP ed era stato sottoposto a sequestro preventivo ed in occasione di un controllo i carabinieri accertavano che i sigilli erano stati rimossi e che mancavano numerosi oggetti. 
Il giorno seguente ai controllo due condòmine presentavano una nuova denuncia ed una asseriva di. essere stata minacciata : i carabinieri si recavano nuovamente nel. condomino ed accertavano una seconda violazione dei sigilli (art. 349 c.p.). La Corte di Cassazione rilevava la commissione dei reati da parte del ricorrente , di cui dichiarava inammissibile il ricorso, poiché , pur essendo stato titolare di un negozio di autoricambi , era comunque tenuto a smaltire i rifiuti provenienti da tale attività in modo conforme alla normativa vigente e non poteva accatastare il predetto materiale negli spazi condominiali inoltre il ricorrente no aveva provato che i pneumatici fossero destinati al reimpiego.
Con la sua condotta l'imputato realizzava il deposito dei materiali occupando arbitrariamente le aree del complesso residenziale dello IACP ed in tal modo espropriava il legittimo proprietario di una porzione rilevante dell'area , destinandola ad uso suo personale ed esclusivo, in. modo da impedire agli altri condòmini il legittimo uso di tale parte comune , ai sensi dell'art. 1117 c.c.. La condotta complessiva dell'imputato non poteva definirsi di tenue entità , ai sensi dell'art. 131 bis c.p., perché i reati in continuazione sono stati realizzati in contenuto della sentenza di appello che ravvisava , nei confronti del ricorrente, anche la sussistenza dei reati di minaccia alla Condomina (art. 612 c.p.) , e di invasione e di danneggiamento della parte comune del. condominio (ailt, 633 e 635 e,p). 

Ditte e Professionisti consigliati dallo Studio Amministrativo Monti