Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti, per il corretto funzionamento dei servizi in linea. Se chiudi questo banner e prosegui con la navigazione ne accetti l'utilizzo. Per maggiori informazioni su come modificare il consenso e le impostazioni dei browser supportati leggi l'informativa sulla privacy.

 

Acconsento

FAQ - revisione delle tabelle millesimali non vale per il passato

« Torna all'elenco delle domande



Ii Tribunale di Milano, con una recentissima pronuncia (sentenza n. 3170 del 29 marzo 2019) torna a ribadire un principio giuridico già affermato dalla Suprema Corte ma che spesso viene percepito dai condomini interessati come una carenza di effettiva tutela. In sintesi la dinamica del fenomeno: in un condominio viene richiesta la "revisione" delle tabelle millesimale che Part. 69 delle disposizioni per l'attuazione del codice civile prevede nel caso in cui venga accertato un "errore" nella loro redazione, oppure qualora "per le mutate condizioni di una parte dell'edificio... e alterato per più di un quinto ii valore proporzionale dell'unita immobiliare anche di un solo condomino". A prescindere dalla natura e dalla sussistenza di detti requisiti richiesti dal codice, costituisce principio pacifico che, nell'eventualità che la "revisione" sia sancita da una sentenza, la sua efficacia e costitutiva, vale a dire spiega i suoi effetti dal momento in cui diviene definitiva (cioè, non è pia suscettibile di gravame). Ii Tribunale di Milano, nella pronuncia in esame, richiama l'analogo orientamento della Suprema Corte sancito nella sentenza n. 5690 del 10 marzo 2011 per la quale "la sentenza che accoglie la domanda di revisione... non ha natura dichiarativa ma costitutiva, avendo la stessa funzione dell'accordo raggiunto all'unanimità dei condomini; pertanto, l'efficacia di tale sentenza,--in mancanza di specifica disposizione di legge contraria, decorre dal passaggio in giudicato." A dire il vero, questa interpretazione si trova ampiamente ribadita in pronunce di merito sia anteriori a quest'ultima di legittimità (Trib. Roma 14 gennaio 2010; Trib. Monza 17 marzo 2008; Trib. Milano 17 novembre 2003) sia successive (Trib. Palermo 8 gennaio 2018; App. Milano 16 febbraio 2016; Trib. Milano 25 gennaio 2013), tanto che la Suprema Corte si e preoccupata di confermarla con una pronuncia ancora più recente (Cass. 24 febbraio 2017, n. 4844) che ci da ii senso di una problematica ormai risolta. Tuttavia, rimane da affrontare ii problema della relazione tra ii "fatto" che ha determinato l'alterazione dei valori millesimali, e quindi la necessita di revisione (si pensi ad un incremento di volumetria), e il momento. di efficacia delle "nuove" tabelle che essendo inevitabilmente successivo lascia scoperto ii periodo intermedio (nel quale sono applicati i "vecchi" millesimi). Sotto tale aspetto, proprio la citata Cass. n. 5690/2011 (peraltro confermata dalla stessa Cass. n. 4844/2017) afferma che e esperibile l'azione di indebito arricchimento ex art. 2041 C.C. grazie alla quale possono essere chiesti in restituzione gli importi che gli "altri" condomini abbiamo pagato al condominio in applicazione dei valori millesimali non corrispondenti alla concreta consistenza delle unita immobiliari facenti parte dell'edificio. In sintesi, l'azione giudiziale di revisione delle tabelle (che mira solo alla correzione delle quote) non e sufficiente a dare completa tutela, ma per ottenere ii rimborso di quanto pagato in eccesso e necessario esperire anche l'azione di indebito arricchimento. 

 

 

Ulteriori informazioni potrete richiederle tramite il modulo on-line, o presso lo Studio Amministrativo Monti, tramite appuntemento.

 

Ditte e Professionisti consigliati dallo Studio Amministrativo Monti