Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti, per il corretto funzionamento dei servizi in linea. Se chiudi questo banner e prosegui con la navigazione ne accetti l'utilizzo. Per maggiori informazioni su come modificare il consenso e le impostazioni dei browser supportati leggi l'informativa sulla privacy.

 

Acconsento

FAQ - Efficacia del regolamento da predisporre

« Torna all'elenco delle domande


Inserisci il testo della domanda


Nella tematica dei vincoli previsti dal regolamento condominiale rientra anche la questione del regolamento da predisporre, a cui si è già fatto cenno.

Va premesso che il regolamento di condominio edilizio predisposto dall'originario unico proprietario dell'edificio è vincolante, purché richiamato ed approvato nei singoli atti di acquisto in modo da fare parte "per relàtionem" (vale a dire che viene richiamato da esso) del loro contenuto, solo per coloro . che successivamente acquistino le singole unità immobiliari, ma non per coloro che abbiano già acquistato le unità immobiliari prima della predisposizione del regolamento stesso, anche se nell'atto di acquisto venga posto a loro carico l'obbligo di rispettare il regolamento da redigersi in futuro, perché manca uno schema definito, suscettibile di essere compreso per comune volontà delle parti nell'oggetto di negozio, e pertanto il regolamento può vincolare l'acquirente solo se, successivamente alla sua redazione, quest'ultimo vi presti adesione (Cass., sent. 18.7.1989, n. 3351).

Sul punto specifico del regolamento da predisporre è stato da ultimo chiarito che però non produce alcuna efficacia, a carico degli acquirenti, la clausola contrattuale che li vincola al rispetto di un regolamento che ancora non è stato materialmente realizzato, mentre sorge invece il vincolo, anche in mancanza di un testo già predisposto, quando l'acquirente, oltre ad accettare l'impegno a rispettare un regolamento ancora non, esistente, allo stesso tempo attribuisce al venditore lo specifico incarico di predisporre il regolamento in nome e per conto proprio, individuando inoltre le materie che saranno oggetto della disciplina (Cass., sent. 14.11.2016, n. 23128). la giurisprudenza infatti tutela l'acquirente nei casi in cui si impegna (spesso senza esserne neppure consapevole) a rispettare le clausole contenute in un regolamento che ancora non è stato redatto e che il venditore si impegna a predisporre senza la determinazione preventiva e in modo preciso del suo contenuto e degli eventuali vincoli relativi alle proprietà private (Cass., sent, 6.8.1999, n, 3486 ~ sent, 116.2 2005, n. 3104).

 

 

Ulteriori informazioni potrete richiederle tramite il modulo on-line, o presso lo Studio Amministrativo Monti, tramite appuntemento

 

Ditte e Professionisti consigliati dallo Studio Amministrativo Monti