Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti, per il corretto funzionamento dei servizi in linea. Se chiudi questo banner e prosegui con la navigazione ne accetti l'utilizzo. Per maggiori informazioni su come modificare il consenso e le impostazioni dei browser supportati leggi l'informativa sulla privacy.

 

Acconsento

FAQ - Maggioranza per la soppressione portierato

« Torna all'elenco delle domande


Inserisci il testo della domanda


In relazione alla maggioranza necessaria per la soppressione del servizio di portierato si afferma che, configurando un atto di amministrazione straordinaria, può essere deliberata a maggioranza, anche quando è previsto nel regolamento di condominio (Cass., sent, 29.3.1995, 11. 3708), mentre in altra decisione si precisa invece che la soppressione del servizio di portierato è validamente disposta dall'assemblea condominiale con la maggioranza prevista dall'art. 1136 cod. civ., cui l'art. 1138 cod. civ. fa riferimento, nel solo caso in cui il regolamento condominiale non preveda il servizio comune come obbligatorio (Cass., sent. 26.8.2002, n. 12481), volendo evidentemente fare riferimento ad un regolamento di tipo contrattuale.

Tuttavia l'opinione secondo cui, in presenza di un regolamento assembleare, sia invece legittima la soppressione del servizio approvata con la mera maggioranza solleva alcune perplessità, perché sembra entrare in collisione col principio generale secondo cui un servizio comune può essere soppresso soltanto quanto tutti i condomini siano d'accordo (Cass., sent. 10.6.1991, n, 6565, con riferimento alla eliminazione dell'impianto di riscaldamento centralizzato per far luogo ad impianti autonomi di riscaldamento). La mera soppressione del servizio di portierato in un condominio senza il consenso di tutti i condomini comporta l'eliminazione di un servizio importante (e talvolta utilissimo se non addirittura indispensabile per i condomini che si trovano in situazioni particolari), seppure non essenziale come l'erogazione dell'acqua o il riscaldamento, e quindi diventa davvero difficile comprendere come si possa giustificare la legittimità della delibera approvata dalla sola maggioranza, se non in una visione del condominio considerato soltanto sotto l'aspetto patrimoniale e senza tenere in alcun conto le esigenze personali dei condomini.

 

 

Ulteriori informazioni potrete richiederle tramite il modulo on-line, o presso lo Studio Amministrativo Monti, tramite appuntemento.

 

Ditte e Professionisti consigliati dallo Studio Amministrativo Monti