Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

 

Ok, ho letto

FAQ - Furti causa ponteggio per restauro stabile

« Torna all'elenco delle domande


Chi è responsabile in caso di furto in appartamento durante i lavori di restauro?


CORTE DI CASSAZIONE
Sez. III, 11 febbraio 2005,.n. 2844.
 

Con riguardo al furto consumato da persone in­trodottesi in un appartamento attraverso .i ponteggi installati per i lavori di restauro dello stabile, deve essere affermata la responsabilità, ai sensi dell'art. 2043 c.c., dell'impresa che per tali lavori si avvale di quei ponteggi, qualora, trascurando le più elementari norme di diligenza e perizia e la doverosa adozione delle cautele idonee ad impedire l'uso anomalo delle dette impalcature, e così violando il principio del neminem laedere, abbia colpevolmente creato un agevole accesso ai ladri e posto in es­sere le condizioni del verificarsi del danno. (C.c., art. 2643) (1).

 

CORTE DI CASSAZIONE

Sez. III,  17 Marzo 2009, n. 6435

 

Responsabilità civile - Cose in custodia - Ponteggi  installati per lavori di rifacimento della facciata dello stabile condominiale - Furto commesso da persono introdottesi in un appartamento attraverso i detti ponteggi - Corresponsabilità dell'appaltatore e del condominio - Sussistenza-

 

In tema di furto consumato da persona introdotta in un appartamento avvalendosi dei ponteggi installati per il lavori di rifacimento della facciata dell'edificio condominiale, deve essere affermata la responsabilità, ai sensi dell'art. 2043 c.c., dell'imprenditore che per tali lavori si avvale dei ponteggi ove, violando il principio del neminem laedere, egli abbia collocato tali impalcature omettendo di dotarle di cautele atte ad impedire l'uso anomalo  (nel caso di specie vi era la mancanza di luci esterne e di alcuna struttura di sicurezza per l'inviolabilità degli appartamenti), è altresì configurabile una corresponsabilità del condominio/committente ex art. 2051 c.c., atteso l'obbligo di vigilanza e custodia e custodia gravante sul soggetto che ha disposto il mantenimento della struttura (C.c., art. 2043; c.c. art. 2051)  (1)

 

Ulteriori informazioni potrete richiederle tramite il modulo on-line, o presso lo Studio Amministrativo Monti, tramite appuntemento.

Ditte e Professionisti consigliati dallo Studio Amministrativo Monti