Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

 

Ok, ho letto

FAQ - Manutenzione muro di contenimento

« Torna all'elenco delle domande


Chi paga i danni provocati dalla tracimazione di acqua in caso di fondi a dislivello?


In caso di fondi a dislivello, in base alla disposizione di cui all'articolo 887 c.c. il proprietario del fondo sovrastante è tenuto alla costruzione ed alla manutenzione del muro di contenimento necessario per evi­tare smottamenti di terreno verso il fondo sottostante. Tale regola, peraltro, non è applicabile quanto il dislivello che ha creato la necessità del muro di contenimento tra i fondi non sia naturale, ma sia stato realizzato dal proprietario del fondo sottostante che, in quanto autore dell'opera che ha determinato la necessità del muro, assume l'obbligo della costruzione e della manutenzione dello stesso e risponde ai sensi dell'articolo 2045 del c.c. dei danni cagionati dalla sua rovina.

Cassazione N° 5762 del 17 marzo 2005.

Anche nella città di pianura, come quelle padane, sono frequenti le controversie che si innestano a proposito dell'obbligo di manutenzione dei muri a confine della proprietà. Come è ovvio, le liti si accendono sopra tut­to quando taluno ravvisi motivo per porre interamente a carico del vicino gli oneri di manutenzione o, addi­rittura, di integrale rifacimento e la situazione dei fondi a dislivello ben si presta per generare aspettative in ta­le senso. Nella stessa città di Milano, che pure sembrerebbe di sistemazione poco acconcia a determinare si­mili controversie, vi sono talune zone dove con pendenze e piccole scarpate artificiali, determinati da strade, linee ferroviarie ed altro. Come è noto, per i "fondi a dislivello negli abitati" l'articolo 887 c.c. dispone che il proprietario del fondo superiore debba sopportare per intero le spese di costruzione e conservazione del muro dalle fondamenta all'altezza del proprio suolo, mentre entrambi i proprietari devono contribuire per tutta la re­stante altezza. La regola è peraltro inapplicabile, giusto quanto ha sottolineato la sentenza in esame, quando il dislivello non sia naturale ma sia stato determinato dalla costruzione sul livello più basso e cioè nella stra­grande generalità dei casi.. In tali ipotesi non si tratta di muro comune ma di manufatto realizzato dal pro­prietario del fondo inferiore e per il suo esclusivo vantaggio. Detta costruzione, eseguita per riparare la casa posta a livello inferiore, è interamente di proprietà del titolare di quest'ultima, che risponde della sua manu­tenzione ed anche di eventuali danni. La esperienza suggerisce dì rappresentare agli amministratori la oppor­tunità di riesaminare i rapporti del genere di quelli in discorso alla luce di quanto la Cassazione ha semplice­mente richiamato, non certo indicato per la prima volta.

Cassazione sezione seconda sentenza 14 febbraio 2005, n. 2946.

 

Se di due fondi posti negli abitati, uno è superiore e l'altro è inferiore, il proprietario del fondo superiore deve sopportare per intero le spese di costruzione e conservazione del muro dalle fondamenta all'altezza del proprio suolo, ed entrambi i proprietari devono contribuire per la restante altezza.  Il muro deve essere costruito per metà sul terreno del fondo inferiore e per metà sul terreno del fondo superiore.

Edilizia popolare ed economica

Codice civile (1942) articolo 887

L'articolo 887 codice civile si applica nel caso in cui il dislivello tra i fondi è una caratteristica naturale dei luoghi, mentre nell'ipotesi che esso derivi da cause non naturali, l'onere della costruzione e della spesa grava su chi dei due proprietari gli abbia dato causa.

Cassazione civile, sezione II, 25 luglio 1992 numero 8992

Bertuccio c. Cironi

Rive Giur. Edilizia 1993, I, 778

 

 

Distanze legali

Muro comune

Codice civile (1942) articolo 887

Le spese di costruzione conservazione del muro di confine tra fondi a dislivello naturale sono a carico del proprietario del fondo superiore, ai sensi dell'articolo 887 c. c., fino al piano di campagna di tale fondo, del quale il muro a funzione di contenimento, mentre sono a carico di entrambi i proprietari per la parte che si eleva al di sopra del piano in campagna. In considerazione della finalità divisoria assolta da questa porzione di muro, con pari utilità per i due fondi.

Cassazione civile, sezione II, 2 dicembre 1995, numero 12457

Sonnino c. Di Fiore

Giust. Civ. Mass. 1995, fasc 12

 

 

Distanze legali.

Fondi a dislivello.

Codice civile aperta da 1942) articolo 887.

In tema di limitazioni legali della proprietà di fondi cosiddetti "a dislivello", la norma codicistica di cui all'articolo 887 non trova applicazione ne' quando la creazione di un dislivello ex novo - ovvero l'aumento dell'originario dislivello naturale - sia opera del proprietario del fondo inferiore (incombendo su quest'ultimo, in tal caso, l'onere della realizzazione e manutenzione del muro di sostegno della scarpata da lui stesso creata ovvero reso maggiormente soggetta a smottamenti), né qualora il muro sia stato costruito esclusivamente sul suolo di uno dei due fondi, superiore o inferiore (nel qual caso sussiste la proprietà esclusiva del muro in capo al proprietario del relativo fondo), né quando il muro sia stato, infine, costruito dal solo proprietario del fondo inferiore, di propria autonoma iniziativa, allo scopo di realizzare una struttura necessaria (o anche solo utile) per il proprio fondo (nel qual caso resta suo carico, con l'onere della costruzione, anche quello della manutenzione del muro).

Cassazione civile, sezione II, 18 agosto 1998, numero 8117

Cond.. Via nuoto numero 11 Roma c. Pignatelli

Giust. Civ. Mass. 1998,1729

 

Ulteriori informazioni potrete richiederle tramite il modulo on-line, o presso lo Studio Amministrativo Monti, tramite appuntemento.

Ditte e Professionisti consigliati dallo Studio Amministrativo Monti