Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

 

Ok, ho letto

FAQ - Parcheggio autoveicoli nel cortile condominiale

« Torna all'elenco delle domande


È possibile parcheggiare le auto nel cortile comune?


Ove il regolamento nulla disponga in contrario, il parcheggio di autoveicoli nel cortile è da considerarsi lecito se non impedisce a questo di continuare a servire agli usi a cui è destinato.

 

Ciò premesso, è nozione comune che l’assemblea può disciplinare mediante norma regolamentare l’uso del cortile come parcheggio, anche ad esempio, ratificando un disciplinare predisposto dall’amministratore (Cass., sent. nr. 5620 del 1990) così come può vietare la sosta di automezzi negli spazi condominiali non vincolati per legge a parcheggio.

 

La regolamentazione negativa, cioè il divieto di sosta degli automezzi, non deve ledere i diritti dei condomini: è dubbio quindi che il divieto possa spingersi sino ad inibire l’accesso di autoveicoli per i  traslochi o per il carico da magazzini che abbiano l’ingresso solo in cortile.

 

In ogni caso le relative delibere regolamentari debbono essere adottate con la maggioranza indicata dal 2° comma art. 1136 cod, civ., non trattandosi di innovazione (Cass. Sent. n. 2464 del 12.7.1968), nè tanto meno l’unanimità dei consensi (Cass. Sent. n. 10289 del 17.10.1998) La medesima maggioranza di cui al 2° comma art. 1136 cod. civ. ) occorre anche per destinare a garage un locale di proprietà situato al piano terra dell’edificio.

 

Delibera condominiale di adibire il cortile comune a parcheggio di motocicli con assegnazione per sorteggio degli spazi da delimitarsi a cura dell' amministratore; impugnazione da parte del singolo condomino; violazione dell' art. 1120, comma 2, cod. civ.; esclusione; limiti

Cass. civ., sent. 5 marzo 2008, n. 5997, Sez. II

La delibera condominiale con la quale si decide di adibire il cortile comune - di ampiezza insufficiente a garantire il parcheggio delle autovetture condominiali - a parcheggio dei motoveicoli, con individuazione degli spazi, delimitazione e assegnazione degli stessi ai singoli condomini, non dà luogo a una innovazione vietata dall' art. 1120 cod. civ., non comportando tale assegnazione una trasformazione della originaria destinazione del bene comune, o l' inservibilità di talune parti dell' edificio all' uso o al godimento anche di un singolo condomino.

 

Ulteriori informazioni potrete richiederle tramite il modulo on-line, o presso lo Studio Amministrativo Monti, tramite appuntemento.

 

Ditte e Professionisti consigliati dallo Studio Amministrativo Monti