Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

 

Ok, ho letto

FAQ - Umidità di risalita

« Torna all'elenco delle domande


Abito in un condominio con i muri perimetrali in mattoni. I locali posti al piano terra hanno le pareti danneggiate da umidità di risalita. L'amministratore ha fatto eseguire le opere di bonifica di un vano del proprietario dell'appartamento posto al piano terra addebitando il costo all'intero condominio. Nutro dei dubbi sulla regolarità dell'addebito e chiedo a voi chiarimenti in merito.


Il Condomino ha ragione ad avere delle perplessità. Infatti, negli edifici datati e costruiti con mattoni, l'umidità ha carattere cronico. Le murature di fondazione possono venire a contatto con acqua proveniente dal sottosuolo e risalendo si diffonde in qualunque direzione arrivando anche ad un'altezza di cm. 150 nella parete interessata.

 

Purtroppo, spesso tecnici non preparati, o per accontentare il cliente, sostengono tesi completamente errate affermando che la causa è da attribuirsi alla parete esterna, alle fognature o a tubi rotti. Spesso detto inconveniente viene accentuato dalla mancanza di circolazione di aria, da riscaldamento ancora a stufa, nonchè dalla presenza di doppi vetri.

 

Recentemente anche la Cassazione, con sentenza n° 25239 del 29.11.2011, ha scagionato il Condominio dalla responsabilità per danni provocati da umidità di risalita al locale seminterrato.

 

Ulteriori informazioni potrete richiederle tramite il modulo on-line, o presso lo Studio Amministrativo Monti, tramite appuntemento.

 

Ditte e Professionisti consigliati dallo Studio Amministrativo Monti