Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

 

Ok, ho letto

FAQ - Privacy e trattamento dei dati

« Torna all'elenco delle domande


Può un condomino pretendere di accedere al conto corrente del Condominio senza il rischio della violazione della privacy?


Premesso che ogni condomino ha il diritto di chiedere all'Amministratore informazioni circa le spese riguardanti le parti comuni e l'Amministratore è tenuto a darle, va detto che oggi, sia per il moltiplicarsi di casi in cui l'Amministratore non ha pagato i fornitori appropriandosi delle somme versate dai condomini, sia per gli articoli che frequentemente compaiono su certa stampa non sempre rispettodi delle norme di legge, la materia è stata disciplinata da un provvedimento generale del 18 maggio 2006 (pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 152 del 3 luglio 2006) con il quale il Garante per la protezione dei dati personali ha prescritto ai condomìni, anche per i trattamenti di dati effettuati dall'assemblea e dall'Amministratore, le misure necessarie per una corretta gestione delle informazioni.

     Tale provvedimento generale, nel richiamare preliminarmente il principio di liceità indicato nell'art. 11del Codice per la protezione dei dati personali (D. Lgs. n. 196/2003), ribadisce che possono formare oggetto di trattamento da parte del condominio - che, ovviamente, assume la qualità di titolare del trattamento - soltanto le informazioni personali pertinenti e necessarie ai fini dello svolgimento delle attività di gestione e amministrazione delle parti comuni, idonee a determinare, in base alle regole poste dal codice civile, le posizioni di dare ed avere dei singoli partecipanti al condominio (proprietari od usufruttuari).

Mentre l'Amministratore non può divulgare a terzi eventuali morosità di condomini sia verbalmente sia a mezzo affissione nell'atrio condominiale.

Riepilogando si può affermare che:

-    ciascun condomino può essere informato, in sede di rendiconto annuale o su richiesta, delle somme dovute dagli altri e di eventuali inadempimenti,

-    è vietata la diffusione di dati personali mediante l'affissione di avvisi di mora o di sollecitazioni di pagamento in spazi condominiali aperti al pubblico,

-    l'amministratore può esercitare il diritto di accesso ai dati riferiti al condominio nel suo complesso (ad esempio alle informazioni relative al consumo globale di energia ed acqua),

-    il singolo condomino può sempre accedere ai dati che lo riguardano, rivolgendosi all'amministratore,

 -    nel condominio ciascun partecipante alle spese può conoscere le spese altrui e può anche conoscere gli inadempimenti altrui sia al momento del rendiconto annuale sia previa richiesta all'amministratore,

-     al contrario non si possono divulgare spese o morosità all'infuori di tale ambito.  E' quindi assolutamente vietato portare a conoscenza del fornitore o di altri terzi i nomi o altri dati di morosi,

-      i dati riferibili all'intera gestione condominiale possono essere sempre conosciuti direttamente dall'amministratore e possono a questi essere richiesti da ciascun partecipante del condominio.

     Così delineati i confini del trattamento dei dati personali dei Condomini, è lecito e rispettoso del Codice della Privacy consentire ad un Condomino l'accesso alla consultazione del conto corrente del condominio, A MENO CHE NON VI SIA IL CONSENSO INFORMATO IN TAL SENSO RILASCIATO DA TUTTI I CONDOMINI ALL'UNANIMITA'.  E questo perchè la consegna delle chiavi di accesso al conto consentirebbe in astratto la conoscibilità di dati riservati anche a terzi soggetti, senza posibilità che il titolare del trattamento dei dati possa controllare la diffusione degli stessi.

 

Ulteriori informazioni potrete richiederle tramite il modulo on-line, o presso lo Studio Amministrativo Monti, tramite appuntemento.

 

Ditte e Professionisti consigliati dallo Studio Amministrativo Monti