Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

 

Ok, ho letto

Amministratore di Condominio Bologna - Monti | L'esperto risponde

Lo Studio Amministrativo Monti, esperto in disciplina condominiale, risponde alle vostre domande. Il servizio è gratuito. Prima di sottoporre un quesito, consultare l'archivio delle DOMANDE FREQUENTI o eseguire una ricerca fra le domande già poste in questa pagina, attraverso la funzione ricerca (in alto a destra). Per porre una nuova domanda è necessario disporre di un Codice Utente Personale.

link per registrazione al servizio  Clicca qui per registrati e ricevere gratuitamente il tuo Codice Utente Personale.

link per login al servizio  Se già possiedi un Codice Utente Personale, clicca qui per porre la domanda.

Domande e Risposte dell'Esperto di Amministrazione

2016-09-30 | spese di riparazione del cancello condominiale

Abito in un edificio con cinque unità abitative. All'epoca della costruzione, risalente a circa 20 anni addietro,l'impresa istallò un cancello elettrico che consente ai proprietari degli appartamenti di entrare con le autovetture di proprietà nel piazzale-cortile antistante l'edificio di proprietà comune.
Da circa 14 anni ho acquistato uno degli appartamenti già abitato da una famiglia, che è a mia disposizione ma non è abitato.
Alcuni mesi orsono abbiamo dovuto cambiare la serratura del cancelletto pedonale e il motore del cancello elettrico.
Così stanti le cose io sarei dell'idea di dividere la spesa tra le quattro famiglie che usano il cancello e non in base ai millesimi o al numero degli appartamenti e ciò nella considerazione che il mio secondo appartamento non è abitato. Del resto una divisione differente, anche sotto il profilo morale non mi sembra corretta, dal momento che se fra qualche giorno il motore dovesse andare un altra in avaria, mi troverei a dover pagare un'altra volta ed il ché mi sembra irragionevole. Nel restare in attesa di cortese risposta, porgo cordiali saluti

RISPOSTA

Purtroppo quando si parla di spesa condominiale ci si riferisce a una spesa potenziale e pertanto è molto difficile valutare se una persona usa o non usa il cancello e quante volte. Ciò che vale sono i millesimi delle proprietà.

Distinti saluti

2016-09-30 | Quota amministratore

Salve, il propeietario di un negozio esterno al fabbricato non vuole pagare la quota amministratore perchè il condominio è formato solo da 6 condomini e non vi è l'obbligo, ma 5 su 6 di loro hanno espresso la volontà di costituirlo. Ha ragione o torto? Grazie!

RISPOSTA

Ha torto perchè la maggioranza dei condomini decide

Distinti saluti

2016-09-28 | Inserisci un titolo breve

Abbiamo perso una causa condominiale ,per una cattiva manutenzione della pulitura di un bocchettone di scarico di un terrazzo di proprietà che ha creato un sopravanzò d acqua che è colato sulla facciata del palazzo a noi adiacente provocando così in infiltrazione . Ora la sentenza ha stabilito che dovremmo pagare danni per 15000€, +interessi+spese legali,chiedo come dovranno essere suddivise tali spese tra i condomini ?grazie

RISPOSTA

E' molto difficile dare una risposta perchè vi è sicuramente una sentenza. Tuttavia posso dire che se il danno è stato causato dalle negligenze di un cindomino questo è responsabile. Se invece il danno proviene dal terrazzo senza alcuna responsabilità del singolo, è l' intero condominio

Distinti saluti

2016-09-26 | Apertura su divisorio terrazzo

Buongiorno, abito all'ultimo piano di un condominio. Ho un terrazzo confinante con il terrazzo condominiale e separato da esso con struttura in ferro e vetro. Vorrei sapere se posso creare una porta per accedere al terrazzo condominiale da quello di mia proprietà.
grazie

RISPOSTA

Dal punto di vista legislativo Ella può farlo. Sarebbe bene, in ogni modo, che Ella lo comunicasse ai condomini per evitare inutili polemiche.

Distinti saluti

2016-09-25 | Chi paga notaio per cambio tabelle millesimali

Mi riferisco all art. 69 legge 220/122 che dice ..le tabelle millesimali vengono modificate se è stato alterato più di un quinto il valore proporzionale dell'unità immobiliare ed il costo è sostenuto da chi ha dato luogo alla variazione... Un condomino ha alterato 14,54 ml su 62,00, un altro 15,20 ml su 47,00, un altro 14,09 su 56,00 ml, io 7,71 ml. su 21,00 esistenti (mansarde) Chi paga il notaio? L amministratore ha diviso in parti uguali. Siccome l'assemblea è già stata tenuta e il riparto approvato se gli altri inquilini devono pagare il notaio posso chiedere all 'amministratore di correggere i conteggi fatti nella prossima assemblea in quanto l'amministratore non ha avvisato l'assemblea che esisteva l'art, 69 legge 220/12 e quindi ha diviso in parti uguali? (mentre lo sapeva benissimo) Io perdo euro 330,00. Grazie tante per la vostra risposta.

RISPOSTA

Non capisco bene l' argomento e non capisco cosa c' entra il Notaio. Vi è un acquisto? Vendita? Comunque se trattasi di una spesa che riguarda l' intero condominio, essa va sostenuta dall' intero condominio in base ai rispettivi millesimi. Se invece trattasi di una spesa che interessa soltanto una parte di condomini, questi, in base ai millesimi di competenza, debbono pagare la parcella del Notaio.

Distinti saluti

2016-09-23 | presa box

Buongiorno, per pulizia auto e quindi uso saltuario vorrei chiedere al mio elettricista di mettermi una presa elettrica nel box auto che ho all'interno di un condominio con più di nove unità. Mi è stato detto che non ci sono espressi divieti normativi. E che il condominio non lo può impedire, salvo rivalersi in caso di uso eccessivo, perché sarebbe attaccata al contatore centrale ( il mio appartamento e' troppo distante ) ma non mi fido. Mi potete dire se non corro rischi di cause legali ed eventualmente a quali rischi andrei incontro, e se potrei fare qualcosa per limitare questi rieschi al minimo? Grazie

RISPOSTA

Non mi è chiara la domanda. Se Ella è proprietario di un box con luce privata non vi sono problemi. Se invece l' illuminazione del Suo box avviene attraverso la luce comune, effettivamente dovrebbe accordarsi con i restanti utilizzatori dei box. Altra soluzione potrebbe essere quella di mettere in opera un contakilowatt nel Suo box.

Distinti saluti

2016-09-22 | Inserisci un titolo breve

Vivo in una villetta a schiera siamo in 4 proprietari il mio vicino villetta di testa a delle infiltrazioni tra il suo marciapiede e giardino nella sua proprieta e la perdita va nel suo garage. Vorrei sapere chi deve pagare le riparazioni .grazie

RISPOSTA

Bisogna verificare il rogito dal quale deve risultare la distinta delle singole proprietà

Distinti saluti

2016-09-22 | Inserisci un titolo breve

la ripartizione dell'acqua ...contatore unico i residenti hanno il diritto di avere la copia

RISPOSTA

I residenti hanno diritto di avere copia di tutto

Distinti saluti

2016-09-17 | Inserisci un titolo breve

Buongiorno.Ho inviato tramite Il mio Legale lettera Diffida amministratore condominio per immediata installazione Grondaia per Raccolta Acqua piovana .Io ho un negozio al piano terra e sopra di me sussiste un terrazzo che ha tubi in fuoriscita che quando piove immettono forte scarico acqua piovana recando danni di infiltrazione alla mia vetrina e all' ingresso della mia Attivita' .Ho fatto richiesta per prossima assemblea , ma ho il problema che il proprietario del terrazzo sovrastante si oppone alla Grondaia affermando che il palazzo e' stato costruisto in questo modo antecedente il 1961.Vorrei il suo parere in Proposito.La Ringrazio Anticipatamente.Distinti Saluti Paolo Buglione

RISPOSTA

Come prima cosa sarebbe opportuno capire se si tratta di balcone in aggetto o di una terrazza a livello.

Nel primo caso l' eventuale raccolta delle acqua piovane è di competenza del proprietario del balcone

Nel secondo caso è di competenza dell' Amministratore del condominio quale responsabile e custode del bene comune.

Distinti saluti

2016-09-10 | Basculante garage

Buongiorno, vorrei porre alcune domande sugli obblighi condominiali riguardanti le porte basculanti dei garage:
- le basculanti possono restare aperte durante il giorno o la notte?
- se chiuse è obbligo chiuderle a chiave?
- la porta tagliafuoco che collega il garage con il vano scale condominiale una volta ovviamente chiusa, è obbligo chiuderla anche a chiave?
Grazie
Luisa Schianchi

RISPOSTA

La porta/basculante può rimanere aperta purchè non impedisca al vicino il libero transito.

La porta tagliafuoco se rappresenta una via di fuga non può essere chiusa

Distinti saluti

2016-09-07 | Inserisci un titolo breve

per lavori alla facciata condominale, il piano terra che ne fà parte, e che 10 anni fà lo stesso proprietario ha acquistato altro locale retrostante facete parte di un altro condominio, con accesso dallo stesso piano terra prima citato, non più dal vecchio accesso e precisamente dall'altro condominio, deve contribuire alla spesa? in che misura?

RISPOSTA

Dovrà partecipare per il condominio interessato.

Distinti saluti

2016-08-25 | Due assicurazione per lo stesso danno

Buongiorno
Come facente funzione amministratore condominiale ho aperto una pratica per un condomino che avendo lo scarico della doccia rotto ha macchiato il soffitto del condomino a lui sottostante
La pratica con l assicurazione condominiale sta seguendo il suo corso..
Il condomino che ha causato il danno ha anche una assicurazione privata.
Il condomino è obbligato a comunicare a ciascuna assicurazione l esistenza dell altra ?
Può chiedere il risarcimento dell intero danno a ciascuna?

RISPOSTA

L' Amministratore o chi fa le veci dell' Amministratore, deve fare la denuncia all' assicurazione del condominio. Il titolare de4ll' assicurazione privata è opportune che faccia lo stesso presso la propria assicurazione. Saranno i periti di entrambe le assicurazioni ad accordarsi per la liquidazione. Con distinti saluti

2016-08-08 | mancato ripristino sede stradale

In una strada vicinale-privata con servitù di pubblico passo, proprietario di una delle abitazioni ha rotto la sede stradale per una modifica di allacciamento al gas-dotto.
Questa rottura è avvenuta senza preavviso alcuno verso altri proprietari residenti, che durante il tempo in cui lo scavo era aperto hanno dovuto deviare la loro circolazione attraverso il cortile della proprietà del committente dello scavo, che è appunto il proprietario sopraccitato. Inoltre è anche probabile che non sia stata chiesta la concessione per la rottura presso gli uffici comunali preposti; appureremo questo fatto.
La strada in questione, fu asfaltata a spese di alcuni residenti, con un contributo da parte della ente comunale.
Al termine dello scavo il proprietario non ha fatto riprisinare il manto stradale con asfalto, riportandolo a condizione precedente, ma si è limitato a colmare il buco con sabbia.
Conseguenza di questa riparazione parziale è che a causa del drenaggio della sabbia l'avvallamento aumenta progressivamente provocando un dissesto del manto stradale, inoltre la buca è posizionata al centro di una curva con scarsa visibilità e la sabbia sparsa sul terreno circostante aumenta lo spazio di arresto in caso di frenata.
Credo che la pubblica amministrazione sia comunque responsabile nel controllare le buone condizioni della strada in questione.
Come co-proprietari della strada interpoderale abbiamo titolo per richiedere il rispristino del fondo stradale asfaltato?
Ringrazio anticipatamente per la risposta.
Davide

RISPOSTA

Se si tratta di una strada privata ma di pubblico passaggio, occorre rispettare quanto verrà richiesto dagli organi competenti per i permessi. Circa il ripristino basta segnalare la situazione di precarietà all' ufficio manutenzione strade e l' ufficio stesso provvederà in merito o obbligherà chi di competenza.

Distinti saluti 

2016-08-02 | guaina su balcone sovrastante il mio

Buonasera,
la ringrazio per la risposta. Ma avrei bisogno di sapere se le modalità di costruzione eseguite sono corrette.
Il posizionamento della guaina per evitare le infiltrazioni è obbligatorio oppure no?
Quel ...."mi è stato inoltre fatto notare che nel periodo di costruzione non era prassi consolidata o normale " è corretto?
Ringrazio anticipatamente per la risposta.
Cordialità,
Laura Vitaliano

RISPOSTA

Il posizionamento della guaina è obbligatorio. La guaina si usa da 30 anni. Distinti saluti

 

2016-07-30 | guaina su balcone sovrastante il mio

Buongiorno,
il balcone sovrastante il mio non ha la guaina di protezione. E' da tre anni che insisto per far mettere a posto la perdita. L'amministratore scrive al proprietario sopra al mio appartamento con copia per conoscenza a me:quanto segue:
Testo e-mail:
le informazioni telefoniche che ho ricevuto in merito al balcone relativo alla Sua proprietà abitativa sono:
-balcone che non sovrasta un’abitazione ma un’area esterna,
-nel progetto , in merito ai balconi ( come sopra specificato), non è stato predisposto l’utilizzo di guaine o altre tipologie di materiali impermeabili, mi è stato inoltre fatto notare che nel periodo di costruzione non era prassi consolidata o normale,
-è stata formata una caldana ( strato di malta cementizia o altro materiale utilizzato per livellare un sottofondo nel quale viene generalmente posato il pavimento finale),
-al fine di evitare il ristagno dell’acqua, il balcone ha una minima pendenza verso il punto di raccolta delle acque meteoriche che confluiscono nell’area esterna dell’unità abitativa posta al piano terra.
Cosa devo fare per non avere piu' la perdita?
L'immobile è nuovo ed è ancora in garanzia - ha solo 7 anni di vita ed io abito qui da 3 anni .
Ringrazio per la risposta.
Cordialità,
Laura Vitaliano

RISPOSTA

Il proprietario del balcone sovrastante è tenuto a riparare il proprio balcone affinchè non infiltri acqua nella proprietà sottostante. La garanzia è decennale saldo accordi diversi.

Distinti saluti

Altre pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12

Ditte e Professionisti consigliati dallo Studio Amministrativo Monti